Lo scavo del nuovo tempio monumentale urbano di Vulci

Si sta per concludere con successo la seconda campagna di scavo al nuovo tempio monumentale urbano di Vulci. Nell’ambito del progetto Vulci Cityscape abbiamo individuato grazie a prospezioni geofisiche svolte nel 2020 in estensione a nord del decumano, tra le altre cose, un secondo tempio monumentale finora sconosciuto accanto al tempio grande. Il nuovo tempio ha pressappoco le medesime dimensioni e un analogo orientamento del tempio grande. Lo scavo del nuovo tempio, avviato nel 2021 e che continuerà nei prossimi anni, sta mettendo in luce non solo la struttura del tempio stesso, ma anche le sue diverse fasi di vita, dalla fondazione, datata in base ai materiali rinvenuti negli strati che riempiono le fondamenta – allo stato attuale delle ricerche – in epoca arcaica, verso la fine del VI/inizi del V secolo a. C., alle diverse fasi di uso, abbondono e spoliazione fino in epoca romana.

Non é ancora possibile attribuire il tempio a una divinità precisa, nè fornire una accurata ricostruzione della struttura in alzato.

Particolarmente significativo è che si tratta di un secondo tempio monumentale affiancato a quello già noto e probabilmente contemporaneo. La stratigrafia è conservata intatta, il che ci permette di ancorare le fasi di vita della struttura a una sequenza cronologica e alla storia della città di Vulci, nonché di comprendere la relazione dell’area sacra con il dinamico evolversi del tessuto urbano.

L´angolo del nuovo tempio in corso di scavo (a sinistra) e il tempio grande (a destra in alto) – Foto da drone ©Mariachiara Franceschini;
credits ©Vulci Cityscape

Ai livelli più profondi si sono raggiunti strati e apprestamenti nel banco roccioso siltitico che sono da ricondursi a tracce di un precedente utilizzo del pianoro, già forse nella prima età del ferro. Queste evidenze, che saranno approfondite anche nei prossimi anni, sono forse da ricondursi alle prime fasi di vita della città, rimaste sinora nell’ombra per quanto riguarda il pianoro vulcente, e permettono di relazionare dati archeologici dall’abitato alle informazioni forniteci dalle ben più ricche e studiate necropoli.

L’area si rivela pertanto promettente per comprendere il complesso palinsesto urbanistico vulcente e ancorare al territorio le fasi di trasformazione, adattamento e resilienza in tempi di sfide e crisi cui è sottoposta la città etrusca e romana nella sua lunga storia.

I bocchi del podio nord del nuovo tempio – Foto ©Paul P. Pasieka; credits ©Vulci Cityscape
Modello tridimensionale del saggio di scavo – Foto ed elaborazione fotogrammetrica ©Mariachiara Franceschini; credits ©Vulci Cityscape

Del tempio si sta finora mettendo in luce l’angolo nord-est. Già ben visibili sono le mura di fondazione della cella in poderosi blocchi in tufo. Dai diversi strati di spoliazione stanno ora affiorando anche le mura esterne del podio sia sul lato nord che su quello est, composte da blocchi in tufo delle medesime dimensioni.

Diverse terrecotte architettoniche riconducibili a diverse fasi dall’epoca orientalizzante all’età romana, tra cui un’antefissa con testa di satiro, ma anche una serie di lastre Campana di prima età imperiale con temi bacchici, testimoniano con un ampio spettro l’uso dell’area in diverse epoche.

Lo spettro dei materiali ceramici sinora rinvenuti spazia dall’età del ferro alla tarda età imperiale. Numerose importazioni, soprattutto dall’Attica, e produzioni locali di buccheri, ceramica etusco-geometrica ed etrusco-corinzia, ma anche da ricondursi all’età villanoviana e all’orientalizzante, confermano la vivacità dei rapporti di scambio tra Vulci e il Mediterraneo e della ben nota produzione locale nei secoli.

Si tratta di un progetto delle università tedesche di Friburgo e Magonza, diretto da Mariachiara Franceschini e Paul P. Pasieka, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la provincia di Viterbo e per l’Etruria meridionale (Simona Carosi) e Fondazione Vulci, Parco Naturalistico Archeologico di Vulci (Carlo Casi), nonché con diverse istituzioni e ricercatori/ricercatrici internazionali. Il progetto è sostenuto dalle fondazioni di ricerca Fritz Thyssen Stiftung e Gerda Henkel Stiftung.

Il gruppo di ricerca – Foto da drone ©Mariachiara Franceschini;
credits ©Vulci Cityscape
Carlo Casi (Fondazione Vulci), Mariachiara Franceschini (Universität Freiburg) e Paul P. Pasieka (JGU Mainz) – Foto ©Gianni Tassi

Mariachiara Franceschini – Paul P. Pasieka


OpenEdition schlägt Ihnen vor, diesen Beitrag wie folgt zu zitieren:
Mariachiara Franceschini (28. August 2022). Lo scavo del nuovo tempio monumentale urbano di Vulci. Vulci Cityscape. Abgerufen am 22. Juli 2024 von https://vulcityscape.hypotheses.org/1254


Das könnte dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search